Fight Club – Chuck Palahniuk

Fight Club libro

Titolo: Fight Club
Autore: Chuck Palahniuk
Genere: romanzo
1° edizione: 1996
Lingua originale: inglese
Ambientazione: America
Protagonista: narratore e Tayler Durden
Pagine: 224

Trama:

Quando la vita da impiegato inizia a starti un po’ stretta, quando la monotonia inizia a logorare le tue emozioni, quando non ti rendi neanche conto che ti stai allontanando dalla realtà ecco che arriva Tyler, un ragazzo di bell’aspetto, in gamba, che conosce un’infinità di cose. Ecco che arriva Tyler a spingerti ancora più in fondo nel baratro. Ecco che arriva Tyler a salvarti da te stesso. Dopo una liberatoria rissa tra questi due personaggi viene fondato un club per combattere tra uomini, senza che nessuno conosca nessun altro, senza che nessuno abbia pregiudizi e venga etichettato. Questo è solo il primo passo progettato da Tyler per liberare gli uomini da se stessi, per liberarli dalle corde della società, per metterli di fronte tutti quanti alla propria forza.

Cosa ne penso…

Avevo visto il film di Fight Club e ne ero rimasta affascinata. Ho letto il libro di Fight Club e non sono riuscita a staccarmene finché l’ho finito. Palanhiuk è ridondante, forte, drammatico. Ogni concetto torna più e più volte a martellarti, le frasi vengono ripetute finché non si fissano nella mente di chi legge. Un romanzo a dir poco ipnotico. Ogni personaggio ha una profondità psicologica e un retroscena impressionante, ogni azione, ogni pensiero è giustificato nel finale che è tanto inatteso quanto sorprendentemente introspettivo.
Se siete stanchi della vostra vita e della monotonia, se siete annoiati da ciò che vi circonda, se avete perso l’entusiasmo, allora avete bisogno di leggere Fight Club e conoscere Tyler.

Giudizi (da 1 a 10):

Qualità della scrittura: 10
Sviluppo della trama: 10
Personaggi: 10
Godibilità: 9
Profondità: 10
Facilità di lettura: 9

   “L’ombra di una mano gigante era perfetta per un solo minuto e per un minuto perfetto Tyler si era seduto nel palmo di una perfezione che lui stesso aveva creato.
[…] 
Un minuto era abbastanza, ha detto Tyler, c’era da lavorare duro per ottenerlo, ma un minuto di perfezione valeva la fatica. Un momento era il massimo che ci si poteva aspettare dalla perfezione.”

   “Se sei maschio e sei cristiano e vivi in America, tuo padre è il tuo modello di Dio” dice il meccanico. “E se non hai mai conosciuto tuo padre, se tuo padre prende il largo o muore o non è mai a casa, che idea ti fai di Dio?”

[Chuck Palanhiuk – Fight Club]

Voto:

4.5

Precedente L'ombra del vento - Carlos Ruiz Zafon Successivo Perché l'autunno è bello - 8 buone ragioni per amarlo

Lascia un commento